Estetica Oncologica, il caso Rifiorire con la Bellezza - Image Skincare

Estetica Oncologica, il caso Rifiorire con la Bellezza

 In News

Due Professioniste dell’estetica e il loro nobile progetto di estetica oncologica. Oggi vi parliamo di Rifiorire con la Bellezza, un percorso realizzato in collaborazione con la LILT VDA, che vuole essere di supporto alle pazienti oncologiche, che non rinunciano a prendersi cura della propria bellezza.

Katia Vaccaro – titolare e direttrice tecnica dello Studio KV – e Tamara Catona – titolare e estetica oncologicadirettrice tecnica del Centro Olos, sono entrambe esperte di Estetica Oncologica. La passione per il loro lavoro e la quotidiana volontà di regalare benessere a chi si rivolge ai loro centri, ed in particolare a quelle clienti che stanno combattendo la loro battaglia contro il tumore, le hanno spinte a dar vita al progetto Rifiorire con la Bellezza.

La sensazione di poter ‘essere utili’. La volontà di aprire le porte dei propri centri anche a quelle clienti le cui richieste fino a poco prima non potevano essere soddisfatte a causa delle terapie oncologiche. Il desiderio di essere di supporto, anche in un momento così delicato, a quelle stesse clienti che si erano sempre affidate alle loro mani e ai loro trattamenti. Sono queste le ragioni che hanno spinto Katia e Tamara a formarsi, prepararsi e a formare altre estetiste su questo tema. Queste due professioniste hanno infatti scoperto che esistono protocolli e prodotti sicuri, con i quali trattano già donne in terapia che non rinunciano alla propria bellezza e alla possibilità di prendersi cura della propria pelle.

È fondamentale infatti, soprattutto durante le terapie, che le donne imparino a curare la pelle, non solo scegliendo un make-up correttivo dall’effetto “camouflage”, che contrasti i segni della stanchezza e ridoni luce al viso, ma anche per idratare e nutrire una pelle sensibilizzata dalle terapie stesse. Quello di Rifiorire con la Bellezza è quindi un vero e proprio percorso che le donne potranno intraprendere con Katia e Tamara presso la sede della LILT VDA, promotrice e sostenitrice di questo “educational alla bellezza”, durante il quale le partecipanti apprenderanno tutte le nozioni necessarie per occuparsi dell’Organo Pelle e tutti i consigli per ritrovare e riscoprire la propria bellezza. La seconda parte del progetto sarà poi dedicata alla “SPA”, una piccola “City Beauty Farm “ allestita negli spazi LILT, dove le Signore riceveranno trattamenti mirati, personalizzati e certificati.

Abbiamo rivolto a queste due straordinarie professioniste alcune domane, per poterci avvicinare ancora di più al loro progetto, nella speranza che questo diventi un caso di eccellenza riproposto in altri centri e da altre estetiste in Italia.

Che cosa vuol dire per voi mettere l’estetica a servizio delle pazienti oncologiche?

Per noi significa innanzitutto potersi sentire “utili” nei confronti di chi sta lottando contro questa patologia. Significa anche potersi non sentire più impotenti… Fino a un anno fa non sapevamo come comportarci, cosa fosse possibile realizzare, quali trattamenti erano indicati e quali controindicati. Eravamo nella condizione di non poter più trattare quelle stesse clienti che da anni ci seguivano e che nel frattempo erano diventate, purtroppo, pazienti oncologiche. Infine, significa poter essere un Professionista che ama il proprio lavoro e che si forma costantemente per dare il meglio ai propri clienti.

Ci raccontate in cosa consiste il progetto Rifiorire con la Bellezza e i risultati che volete ottenere?

Rifiorire con la bellezza è un progetto che ha 2 scopi ben diversi, i quali si fondono però perfettamente:

  • Regalare benessere alle pazienti oncologiche
  • Educare le pazienti al trattamento della propria pelle, renderle autonome nella scelta di un cosmetico sicuro, fornire le basi e insegnare i gesti corretti per la cura della propria pelle, dare loro strumenti utili per affrontare in maniera adeguata i fastidi e le controindicazioni delle terapie sul tessuto cutaneo.

Quali marchi e prodotti avete utilizzato per realizzare questa iniziativa? Perché sono stati scelti?

Abbiamo scelto di utilizzare prodotti sicuri, che non contenessero sostanze dannose, ipoallergenici,  privi di coloranti e profumi di sintesi, nickel tester, ricchi di sostanze organiche affini ad una pelle sensibile. Tra i marchi selezionati ci sono Zoya (smalti), Image Skincare (cosmeceutici), Emani (skincare make-up) e Cuccio Naturale (trattamenti manicure & pedicure).

Come viene accolta dalle donne un’iniziativa come questa?

Inizialmente le donne hanno difficoltà nel lasciarsi andare o nell’ammettere che per loro sia un reale problema/disagio che la propria immagine stia cambiando a causa della malattia. Ma il gruppo e la condivisione di emozioni, sensazioni, ansie e preoccupazioni fa si che poco per volta il loro atteggiamento cambi. Durante l’incontro i loro volti e le loro espressioni diventano meno rigidi, fino a riuscire a lasciare fuori da quelle porte ‘la malattia’, soprattutto durante la realizzazione dei trattamenti, per lasciare spazio alla leggerezza.

Consiglieresti alle tue colleghe di replicare questa esperienza anche nei loro centri o nelle loro realtà locali? Perché?

Sì, consiglieremmo alle nostre colleghe di formarsi, fare esperienza ed iniziare a camminare sulle proprie gambe. Da sempre ci occupiamo di donne e bellezza e la malattia non deve e non può fermare un Professionista, né può togliere il diritto a ciascuna paziente di prendersi cura di sé.

Tamara Catona
Estetista Specializzata
Tecnico Estetista (Università degli Studi di Ferrara – Facoltà di Farmacia)
Esperta in Estetica Oncologica
Assistente di Studio di Medicina Estetica
Direttrice Tecnica del Centro Olos

Katia Vaccaro
Estetista Specializzata
Naturopata Diplomata Riza
Specializzata in Alimentazione  Naturale  e Nutrizione Ortomolecolare presso AINUC (Accademia Internazionale Nutrizione Clinica)
Esperta in Estetica Oncologica
Responsabile formazione Necofarma divisione estetica
Direttrice Tecnica dello Studio KV

Altri articoli interessanti
Showing 2 comments
  • Marco

    Complimenti! Due professioniste meravigliose che dedicano, come volontarie, parte del loro tempo a persone che soffrono.
    Un progetto amato fin da subito da LILT VdA, dall’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Aosta e dal reparto di Oncologia dell’Ospedale Parini di Aosta.

  • Michela

    Il benessere e la cura della PERSONA come obbiettivo del vostro intervento. Brave!

Scrivi un commento